Diversità e uguaglianza

Percorso tematico a cura di Centro Anilij– Università di Vigo (Spagna) e Centro MeTRa, Università di Bologna (Italia)

 

Le persone sono tutte diverse, eppure tutte uguali. Possono essere diverse in base al sesso, al genere, all’orientamento sessuale, alla classe sociale, all’etnia, alla religione, alla cultura, all’istruzione, alla lingua, ecc. Anche se tutti gli individui dovrebbero avere gli stessi diritti, purtroppo ad alcuni di essi vengono negati in molte parti del mondo. Negli ultimi decenni, tuttavia, molte società hanno compiuto progressi per quanto riguarda il rispetto della diversità e la promozione dell’uguaglianza.

Uguaglianza significa garantire a tutte le persone lo stesso trattamento e gli stessi diritti, ma anche sostenerle, trattarle in modo che possano avere le stesse opportunità nella vita e accedere alle stesse risorse. Pertanto, tutte le identità dovrebbero essere valorizzate e rispettate. Anche quando esistono leggi che garantiscono l’uguaglianza tra le persone, questo riconoscimento formale non sempre assicura un rispetto effettivo dei diritti degli individui.

Le disuguaglianze sociali, religiose e di genere sono profondamente radicate nella maggior parte delle culture e delle società, e quindi difficili da superare. In questo contesto, nel tentativo di rispondere ai cambiamenti sociali e culturali in corso, alcuni libri per l’infanzia cercano oggi di offrire ai bambini e alle bambine storie che sono incentrate sull’uguaglianza e sul rispetto, e che combattono diverse forme di discriminazione, come l’omofobia (Mi papá es un payaso), la transfobia (George; Mon frère, ma princesse) e gli stereotipi di genere (Mademoiselle Zazie; La déclaration des droits des filles; La déclaration des droits des garçons; Quante tante donne). Questo trend di una parte della letteratura per l’infanzia incontra spesso una forte opposizione sociale, opposizione che conferma l’importanza di libri impegnati nella promozione della diversità e dell’uguaglianza. Infatti, la letteratura per bambini e bambine può essere molto efficace nel contrastare gli stereotipi di genere, la discriminazione, la violenza e altre forme di pregiudizio (sessuale, culturale, religioso, etnico, ecc.) che hanno un forte impatto sulla nostra società, anche in termini economici.

La letteratura per l’infanzia può quindi contribuire a promuovere il rispetto delle diversità, l’inclusione e la non discriminazione. Attraverso un linguaggio semplice, chiaro e diretto, i libri di questa bibliografia spiegano ai bambini e alle bambine il concetto complesso e sfaccettato di diversità, sottolineando allo stesso tempo che le differenze sono una risorsa e non un limite, e che possono essere  quindi una fonte di arricchimento per la società. Per quanto riguarda le questioni di genere, ad esempio, i libri possono contribuire a legittimare e a valorizzare le esperienze di bambini/e che hanno un’identità di genere non conforme o non binaria, dimostrando l’importanza del rispetto delle differenze (Nei panni di Zaff; Buffalo Belle; Jacob’s new dress; Mehdi met du rouge à lèvres; ¿Qué es lo que quieren las mujeres?; Vrline mane). Inoltre, queste storie possono insegnare a tutti/e che ogni individuo dovrebbe essere libero di esprimere e affermare la propria identità, trasmettendo così un messaggio forte contro il bullismo – di genere e non solo (My princess boy; Felix’s new skirt; The sissy duckling; A boy named Queen; Federico il pazzo; Adesso scappa; Jane, le renard & moi; Max embête les filles ; Oliver Button is a sissy; Cloud busting).

I libri che hanno un approccio intersezionale (ovvero focalizzato su vari aspetti delle identità tra di loro collegati, come genere, etnia, classe sociale e orientamento sessuale) possono mostrare l’importanza di promuovere il dialogo e la collaborazione tra persone con origini e identità diverse. Ciò può contribuire a sensibilizzare giovani lettori e lettrici alle differenze e alle disuguaglianze che ancora esistono tra le culture e le società. Ad esempio, alcuni libri mostrano le difficili condizioni di vita di bambine e bambini nelle zone economicamente più povere (Malala/Iqbal; La fille du pays des neiges; Io sono Adila), mentre altri riflettono sulle discriminazioni che persistono nelle culture e nelle società occidentali (Questa non è una baby-sitter; Prestami le ali; Ruby tête haute). Alcuni testi spiegano anche come le donne abbiano ottenuto diritti che per lungo tempo sono stati loro negati (Nina e i diritti delle donne) e come abbiano iniziato a lavorare in ambiti in precedenza considerati appannaggio degli uomini (Mercedes quiere ser bombera; Marie Curie). Questo tipo di testi vuole inoltre aiutare i bambini e le bambine a comprendere l’uguaglianza, valorizzando molti aspetti delle diversità, come il transgenderismo (Trans bird; Yo soy Mia; 10,000 dresses; I am Jazz; Introducing Teddy), l’omosessualità (Simón el topo; Cola de sirena), la disabilità (Il mondo è anche di Tobias; Mia sorella è un quadrifoglio) e il dialogo interculturale (Писма от Феликс за пътуването с цирка / Letters from Felix; The colors of the rainbow).

In sintesi, un buon libro per bambini e bambine può rappresentare un aiuto prezioso per affrontare i temi dell’uguaglianza e delle diversità, dimostrando a giovani lettori e lettrici che siamo tutti/e uguali e che abbiamo gli stessi diritti.

 

Alcuni libri in evidenza sull’uguaglianza di genere e la diversità:

Álvarez García, Luz, Pero, ¿qué es lo que quieren las mujeres? Everest, León, 2007.

Andrés, José Carlos, Mi papá es un payaso. NubeOcho, Madrid, 2015.

Bachelet, Gilles, Madame le Lapin blanc. Seuil jeunesse, Paris, 2012.

Barbé i Serra, Alba, Cola de sirena. Bellaterra, Barcelona, 2016.

Blackman, Malorie, Cloud busting. Corgi Yearling Books, London, 2005.

Brami, Élisabeth, La déclaration des droits des filles. Talents Hauts, Paris, 2014.

Brami, Élisabeth, La déclaration des droits des garçons. Talents Hauts, Paris, 2014.

Brami, Elisabeth, Le zizi des mots. Talents Hauts, Vincennes, 2015.

Brichzin, Kerstin, Felix’s new skirt. Minedition, Hong Kong, 2018.

Britt, Fanny, Jane, le renard & moi. Editions de la Pastèques, Montréal, 2013.

Capdevila, Paco, Azul y rosa. Gaviota, Madrid, 2000.

Casalderrey, Fina, ¡Hola, estúpido monstruo peludo! Algar libros, Alzira, 2009.

Cassidy, Sara, A boy named Queen. Groundwood Books, Toronto, 2016.

Cohen-Janca, Irène. Ruby tête haute. Les éditions des éléphants, Paris, 2017.

Crowther, Kitty, Poka et Mine: le football. L’école des loisirs, Paris, 2010.

Čulina, Arijana, Vrline mane Mare bubamare. V.B.Z, Zagreb, 2013.

D’Elia, Cecilia, Nina e i diritti delle donne. Sinnos, Roma, 2011.

De Manuel Vicente, Carmen, Simón el topo. Bellaterra, Barcelona, 2011.

De Paola, Tomie, Oliver Button is a sissy. Simon & Schuster, New York, 2017.

Degl’Innocenti, Fulvia, Io sono Adila. Storia illustrata di Malala Yousafzai. Settenove, Cagi, 2015.

Donoso Bailón, José Ignacio, Trans bird. Ópera Prima, Madrid, 2015.

Douzou, Olivier, Buffalo Belle. Rouergue, Rodez, 2016.

Dumortier, David, Mehdi met du rouge à lèvres. Cheyne, Devesset, 2006.

Ewert, Marcus, 10,000 dresses. Triangle Square, New York, 2008.

Fierstein, Harvey, The sissy duckling. Simon & Schuster Books for Young Readers, New York, 2002.

Fine, Anne, Bill’s new frock. Egmont UK, London, 2017.

Fritze Spagnoli, Elena, Il mondo è anche di Tobias. Lapis, Roma, 2009.

Gallego, Laura, Las chicas somos guerreras. Planeta, Barcelona, 2010.

García, Nerea, Yo soy Mia. Bellaterra, Barcelona, 2016.

Gino, Álex, George. Scholastic, New York, 2017.

Herthel, Jessica, I am Jazz. Dial Books, New York, 2014.

Hoffman, Sarah, Jacob’s new dress. Albert Whitman & Co., Park Ridge, 2014.

Juanolo, ¡Nos gustamos! Scena Edicions, Barcelona, 2004.

Kilodavis, Cheryl, My princess boy; a mom’s story about a young boy who loves to dress up. KD Talent LLC, Seattle, 2009.

Kuruvilla, Gabriella, Questa non è una baby-sitter. Terre di Milano, Milano, 2010.

Lenain, Thierry, Mademoiselle Zazie et la robe de Max. Nathan, Paris, 2011.

López Salamero, Lunila, La cenicienta que no quería comer perdices. Planeta, Barcelona, 2009.

Maar, Paul, Los viajes de Paula. Takatuka, Barcelona, 2009.

Masini, Beatrice, Mia sorella è un quadrifoglio. Carthusia, Milano, 2012.

Moncó Rebollo, Beatriz, Mercedes quiere ser bombera. Bellaterra, Barcelona, 2004.

Pennart, Geoffroy de, La princesse, le dragon et le chevalier intrépide. L’école des loisirs, Paris, 2013.

Ramadier, Cédric, Attention aux princesses ! Albin Michel jeunesse, Paris, 2013.

Rinaldi, Patrizia, Adesso scappa. Sinnos, Roma, 2014.

Rinaldi, Patrizia, Federico il pazzo. Sinnos, Roma, 2014.

Saint-Mars, Dominique (de), Max embête les filles. Calligram, Coppet, 2000.

Salvi, Manuela, Nei panni di Zaff. Fatatrac, Firenze, 2015.

Sánchez Vergara, María Isabel, Marie Curie. Alba, Barcelona, 2016.

Sarfatti, Anna, Quante tante donne: le pari opportunità spiegate ai bambini. Mondadori, Milano, 2008.

Scego, Igiaba, Prestami le ali. Storia di Clara la rinoceronte. Rrose Sélavy, Tolentino, 2017.

Walton, Jessica, Introducing Teddy: a gentle story about gender and friendship. Bloomsbury U.S.A. Childrens, New York, 2016.

Winter, Jeanette, Malala, a brave girl from Pakistan / Iqbal, a brave boy from Pakistan. Beach Lane Books, San Diego, 2014.

Zambon, Catherine, Mon frère, ma princesse. L’école des loisirs, Paris, 2012.

Zhihong, He, La fille du pays des neiges. Seuil jeunesse, Paris, 2013.

Ланген, Анете (Langen, Annette) Писма от Феликс за пътуването с цирка (Letters from Felix about circus travel). Фют, София, 2015.