G-BOOK

II progetto Gender Identity: Child Readers and Library Collections è volto a promuovere una letteratura per l’infanzia “positiva” dal punto di vista dei ruoli e modelli di genere, ovvero aperta, plurale, varia, priva di stereotipi, improntata al rispetto e alla valorizzazione delle diversità.

G-BOOK è uno dei 66 progetti vincitori, selezionati fra i 430 presentati nell’ambito del Bando Europa Creativa. Coinvolge 6 partner europei: capofila è il Centro MeTRa (Centro di Studi interdisciplinari sulla Mediazione e la Traduzione a opera di e per Ragazze/i), Dipartimento di Interpretazione e Traduzione dell’Università di Bologna – Campus di Forlì (Italia). Gli altri partner sono: la Biblioteca Universitaria “Livres au Trésor” e il Centro di ricerca “Pléiade” dell’Université Paris 13 (Francia), il Centro di Studi Anilij (National Association for Research in Children and Youth Literature) dell’Universidad de Vigo (Spagna),il Centre for Children’s Literature and Culture Studies – Dublin City University (Irlanda), la Regional Public Library “Petko Rachev Slaveikov” (Bulgaria) e la Biblioteka Sarajeva (Bosnia Erzegovina).

II progetto nasce dalla consapevolezza del ruolo cruciale svolto dalla letteratura per l’infanzia nel consolidamento e nell’evoluzione dell’identità di genere di bambine e bambini.

Alcuni G-BOOKS

In effetti, molti studi hanno dimostrato come le giovani generazioni tendano a introiettare e fare propri i modelli e i ruoli di genere proposti nei libri che leggono, modelli e ruoli che tuttavia, in molti casi, tendono a essere conservatori e a rafforzare stereotipi di genere (ad es. bambine dolci, remissive, passive, bambini coraggiosi e ribelli; madri che si occupano della famiglia mentre i padri vanno al lavoro, ecc.).
D’altro canto, se è vero che si sta sempre più diffondendo una produzione letteraria per l’infanzia consapevole e attenta alle problematiche di genere, tale produzione e inegualmente distribuita fra i vari paesi europei, rimanendo inoltre spesso relegata in una sorta di “nicchia”, senza raggiungere la maggior parte de* bambin*.

Dato questo contesto, il progetto mira a realizzare molteplici obiettivi:

  1. creazione della prima bibliografia europea di libri per bambin* dai 3 ai 10 anni, “positiva” dal punto di vista del genere;
  2. realizzazione di due collezioni multilingue itineranti, che circoleranno fra i vari paesi partner, sulle seguenti tematiche intese in chiave di genere: diversità e inclusione, corpo ed emozioni;
  3. implementazione del primo sito online multilingue (disponibile nelle lingue dei paesi partner), che ospiterà la bibliografia cosi come tutta una serie di altri materiali divulgativi e pedagogici legati alle questioni di genere;
  4. creazione di uno spazio riservato ai libri della bibliografia presso 6 biblioteche pubbliche dei sei paesi partner, che li acquisteranno grazie ai fondi del progetto, incrementando cosi il numero di libri “gender positive”;
  5. realizzazione di molteplici attività di audience development destinate a bambin*, insegnanti e genitori, legate alla bibliografia, ospitate dalle biblioteche coinvolte;
  6. coinvolgimento in ogni paese partner di case editrici sensibili al genere, alle quali verrà proposta una selezione di libri meritevoli di essere tradotti, tratti dalla bibliografia internazionale.