Storia di Giulia che aveva un’ombra da bambino

Riassunto:

Giulia è una bambina dispettosa che ama fare giochi da maschi, e per questo i suoi genitori iniziano presto a chiamarla “maschiaccio”. Un giorno Giulia si rende conto di avere un’ombra da bambino e cerca con tutta se stessa di disfarsene. Incontra poi un bambino in un parco che è triste perché tutti dicono che sembra una bambina. [Fonte: Electre]

Commento:

Pubblicato per la prima volta nel 1976, questo innovativo albo illustrato ha avuto diverse edizioni ed è stato riconosciuto come un classico della letteratura per l’infanzia anti sessista. Questa è la nuova edizione, attesa da tempo, del libro più significativo pubblicato dopo gli eventi del maggio 1968. Giulia ha un’identità – un’identità sessuale – così come domande e difficoltà. Nessun libro aveva mai trattato prima questi argomenti attraverso un testo poetico che attinge alla teoria psicoanalitica. Il libro ha causato uno scandalo, ma ha anche generato il dialogo con bambini e bambini come esseri complessi e profondi. La nuova edizione, ancora di grande attualità, è in un nuovo formato con copertina rigida e un layout magnificamente aggiornato. [pubblicato su La Revue des livres pour enfants. I migliori libri del 2009 – Fonte: CNLJ / Bibliothèque nationale de France]

A cura di: Research Centre Anilij (Spain)

Autore/rice: Bruel, Christian

Illustratore/rice: Bozellec, Anne

Traduttore/rice: Rioli, Maria Chiara

Casa editrice: Settenove

Città: Cagli

Anno: 2015

Pagine: 52

ISBN: 9788898947096

Fascia d'età: 6 - 10

Lingua: IT

Lingua originale: FR

Parole chiave: Autoaccettazione, Corpo, Identità

es 
fr 
Disponibile in:


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Parole chiave (OR)

  • Fascia d'età

  • Ordina risultati